Porta di Pratica

Tra le varie porte minori da cui si accedeva anticamente alla città (oltre alle due
principali e cioè la Porta di Terra e la Porta Marina) molto importante era la Porta di Pratica
(cioè la Porta “facile”), perché consentiva un agevole ingresso all’interno delle mura dopo aver
percorso un impervio sentiero che dal letto della Fiumarella si arrampicava su per il costone.
Attraverso di essa giungevano in città gran parte dei prodotti agricoli provenienti dal contado
destinati al consumo quotidiano. Oggi la porta non esiste più ma si intuisce il luogo in cui essa
doveva trovarsi, proprio al centro della “valletta divisoria” che separa il colle di San Giovanni
da quello del Vescovado. Guardando il sito da una certa distanza si possono cogliere ancora
l’essenza e la bellezza dell’antico quartiere medievale del Pianicello, fatto di casette affastellate
le une alle altre e da una inestricabile rete di vicoli e minuscoli slarghi silenziosi.

Lascia un commento

Dettagli del Luogo
Mappa del Luogo
Pubblicità